Catasto gregoriano

IT-ASLT-F494200367

(1822-1870; 4528 : 276 regg. e 4252 mappe)

L’opera di catastazione geometrico – particellare avviata durante il periodo francese fu continuata da Pio VII che ne affidò la realizzazione alla Presidenza generale del censo. Il catasto ebbe piena attuazione nel 1835, anno in cui fu promulgato da Gregorio XVI.
La documentazione conservata presso l'Archivio di Stato di Latina riguarda i comuni di: Bassiano,  Cisterna,  Cori,  Maenza,  Norma,  Priverno, Prossedi, Roccagorga, Roccamassima, Roccasecca, S. Felice, Sermoneta, Sezze, Sonnino, Terracina.
L'organizzazione ed il controllo delle funzioni censuarie spettavano alle Cancellerie del censo di Terracina, di Priverno, di Sezze, di Velletri e di Roma; poi divenute  con l'annessione al regno d'Italia Agenzie delle imposte dirette e del catasto in forza del r.d. 6046/1870.

Serie

Mappe planimetriche particellari

mappe

1822-1868

Brogliardi

regg.

1822-1868

Catastini

regg.

1829-1838

Volture

regg.

1840-1871

Trasporti

regg.

1833-1871

Quinterni di variazione

regg.

1863-1863

Aggiornamenti

40 regg.

1857-1863

Matrice provvisoria di catasto

35 regg.

1858-1870

Diretti Domini

regg.

1853-1862